domenica 26 aprile 2009

La melodia dell' Asia


Oggi Anh ha imparato con papa' cos'e' l'erba....e poi si e' seduta con la mamma ad osservare il mare...gia'..perche' per Anh ora ogni cosa e' una scoperta, e vi assicuro che l'entusiasmo che dimostra per la conoscenza del mondo e' invidiabile. 

Tavolta mi chiedo se parte del suo carattere e indole derivi dal suo popolo. Qui, e maggiromente ad Hanoi, abbiamo avuto modo piu' volte tutti di notare la calma e la serenita' delle persone asiatiche....pare che non siano mai irritate, che il termine "irrascibile" non sia parte del vocabolario, e che la prima risposta che ottieni, a prescindere dalla domanda sia inequivocabilmente un sorriso. 


Avete presente la differenza tra una melodia suonata al pianoforte e una con il flauto? Piu' o meno questa e' la senzazione che si ha in Asia.....dimenticatevi il pianoforte e concentratevi sul flauto....un unico respiro, un soffio a pieni polmoni, una melodia limpida...pare acqua che scorre...forse anche un po' fredda...possiede una purezza e uno charme incomparabile....i lunghi silenzi di Anh...una riga intera dello spartito...una pausa strumentale per poi giungere a toni piu' gravi o piu' acuti......


....e la voglia oggi di accordarlo con un pianoforte molto pi' ruvido....dove il tenore del suono e' inevitabilmente anche dipendente dalla forza con la quale si pigia sui tasti, uno strumento che nasce dal battito di martelli sulle corde.....qualcosa che puo' apparire cosi' lontano dal soffio del'Asia...

...eppure a suonarli assieme si crea una melodia che ti avvolge, completa e totale.  E cosi' mamma e papa' si divertono assieme a Anh a creare nuovi ritmi, a miscelare i suoni, facendo nascere - assieme a tanti altri genitori adottivi - una nuova struttura armonica....una famigia che di certo avra' la richezza di un po' di entrambi.....Anh dal lato suo per ora ci mette la sua gioia di conoscere il mondo.


Nessun commento:

Posta un commento